• REALIZZIAMO PROGETTI DI TIPO CULTURALI/EDUCATIVO, PER LA PROMOZIONE SOCIALE DELLA CIBERNETICA PER LA SENSIBILIZZAZIONE SENSORIALE DELL'INTELLIGENZA EMOTIVA


Cibernetica

Il termine cibernetica (dal greco: κυβερνήτης, kybernḗtēs, 'pilota di navi')  indica un vasto programma di ricerca interdisciplinare, più in generale, di sistemi, sia naturali che artificiali. Nacque durante gli anni della seconda guerra mondiale, su impulso di un gruppo di ricercatori.

 

  • La cibernetica è nata dunque come un campo di studi comune tra l'ingegneria, la biologia e le scienze umane. Già da questo si comprende l'importanza fondamentale per la cibernetica dell'interdisciplinarità, che può essere immediatamente confermata dall'esame dei curricula estremamente variegati di tutti i suoi protagonisti. Un'altra caratteristica metodologica generale del metodo cibernetico è l'attenzione rivolta al comportamento (ed alla sua descrizione matematica) degli oggetti del suo studio, più che ai dettagli della loro struttura materiale. Da ciò deriverà una tendenza alla definizione concettuale e, molto spesso, anche alla realizzazione fisica di modelli artificiali della realtà biologica, grazie anche alle nascenti possibilità della tecnologia.

intelligenza emotiva

  • L'intelligenza emotiva è la capacità di comprendere, utilizzare e gestire le proprie emozioni in modo positivo per alleviare lo stress, comunicare in modo efficace, entrare in empatia con gli altri, superare le sfide e disinnescare i conflitti. In termini pratici, questo significa essere consapevoli che le emozioni possono guidare il nostro comportamento e avere un impatto sulle persone... e dunque imparare a gestire quelle emozioni istintive al fine di eliminare pregiudizi e stereotipi sia i nostri che quelle degli altri. Prima di poter sviluppare l'intelligenza emotiva, è quindi necessario avere una buona capacità di mentalizzazione (consapevolezza del Sè ), cioè di concepire noi stessi e gli altri su diversi  "stati" spirituali e  mentali .
  • La filosofia della scienza è la branca della filosofia che studia i fondamenti, gli assunti e le implicazioni della scienza, sia riguardo alla logica e alle scienze naturali, come la fisica, la chimica, la biochimica o la biologia, sia riguardo alle scienze sociali, come la sociologia, la psicologia o l'economia. Le principali sezioni della filosofia della scienza sono la filosofia della matematica, la filosofia della fisica, la filosofia della chimica e la filosofia della biologia.
  • In parte legata alla filosofia della conoscenza nota come gnoseologia e, in misura maggiore, all'epistemologia, essa cerca di spiegare la natura dei concetti e delle asserzioni scientifiche, i modi in cui essi vengono prodotti; come la scienza spiega la natura, come la predice e come la utilizza per i suoi fini; i mezzi per determinare la validità delle informazioni; la formulazione e l'uso del metodo scientifico; i tipi di ragionamento che si usano per arrivare a delle conclusioni; le implicazioni dei metodi scientifici, con modelli dell'ambiente scientifico e della società umana circostante.