Etere ETS

Arte e cultura

 

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Surrealismo

  • Il surrealismo è un movimento artistico e letterario d'avanguardia del Novecento, nato negli anni 20 a Parigi come evoluzione del dadaismo, e che coinvolse tutte le arti, toccando anche letteratura e cinema; nel 1924 ne fu scritto il primo manifesto.[1] Esso vuole esprimere una realtà superiore, fatta di irrazionale e di sogno, per rivelare gli aspetti più profondi della psiche.

«Automatismo psichico puro, attraverso il quale ci si propone di esprimere, con le parole o la scrittura o in altro modo, il reale funzionamento del pensiero. Comando del pensiero, in assenza di qualsiasi controllo esercitato dalla ragione, al di fuori di ogni preoccupazione estetica e morale.»

(André Breton, Manifesto del Surrealismo, 1924)


La natura si auto-organizza secondo il modello frattale probabilmente perché questo modello è più funzionale alla sopravvivenza della natura stessa migliorando l'efficienza del sistema (dell'insieme strutturato degli elementi). I frattali realizzerebbero quindi l'ottimizzazione del sistema nel processo evolutivo. Per lo stesso motivo l'organizzazione frattale si riscontra anche in altri fenomeni spontanei: è elaborata spontaneamente  sistemi sociali ed economici e anche, come è stato studiato recentemente, nell'organizzazione delle connessioni delle reti di Internet, della fisica dei materiali e del cosmo. 

Si ritiene che in qualche modo i frattali abbiano delle corrispondenze con la struttura della mente umana, è per questo che la gente li trova così familiari. Questa familiarità è ancora un mistero e più si approfondisce l'argomento più il mistero aumenta

  • «Il successo pratico di un'idea, indipendentemente dalle sue qualità inerenti, dipende dalla scelta dei contemporanei. Se è al passo coi tempi, essa viene rapidamente adottata; in caso contrario, è destinata a vivere come un germoglio che sboccia, attirato dalle lusinghe e dal calore del primo sole, per essere poi danneggiato e crescere con difficoltà a causa del gelo che s'impone.»  Nikola Tesla

L'albero di Pitagora la cui costruzione è basata sul sistema binario. Un quadrato ha un lato in comune con un triangolo rettangolo isoscele, che a sua volta ha gli altri due lati in comune con altri due quadrati e così via. La somma delle aree dei due quadrati più piccoli, per il teorema di Pitagora, è uguale all'area del quadrato iniziale e così anche le aree dei quadrati che si formano nei passaggi successivi, sommate, daranno l'area del primo quadrato. Si può avere un albero asimmetrico semplicemente costruendo un triangolo rettangolo qualsiasi sul lato del primo quadrato. La forma avvolta non è altro che una spirale logaritmica.

L'energia fluisce da una estremità, circola attorno al centro e fuoriesce dall'altra parte. È bilanciata, si autoragola, è sempre integra. Puoi vederla ovunque, negli atomi, nelle cellule, nei semi, nei fiori, negli alberi, negli animali, negli umani, negli uragani, nei pianeti, nelle stelle, nelle galassie e persino nell'intero cosmo. Lo scienziato e filosofo Arthur Young, ha spiegato che un toroide è l'unico modello di energia o dinamica, che può autosostenersi ed è fatto della stessa sostanza che lo circonda, come un tornado, un anello di fumo nell'aria o un vortice nell'acqua. Evoluzione significa sviluppo, dispiegamento. Che cosa sviluppa l'universo? Sistemi auto-organizzanti e cioè visibili ad ogni scala. È un sistema capace di organizzare se stesso. In natura troviamo queste forme auto-organizzanti ovunque: nella sezione trasversale di un'arancia o in quella di una mela; nella natura dinamica di un tornado o ancora nel campo elettromagnetico intorno alla terra, o nell'analogo campo elettromagnetico che circonda l'essere umano così come nella struttura di un'intera galassia a spirale o di un atomo. L'universo ha manifestato a tutte le scale un unico progetto: sviluppare tori. In fisica delle particelle la forma del toroide è nota per fornire un miglior ambiente all'interno del quale accelerare le particelle. La geometria toroidale è interessante come spazio per accumulare l' energia dei magneti, perchè si traduce in piccoli campi magnetici esterni. La Russia fu la prima a mettere in pratica questa idea con l'acceleratore Tokamak. L'Europa e gli Stati Uniti hanno ottimizzato il modello russo per eseguire esperimenti di fisica del plasma. Questi dispositivi funzionano secondo il principio della fusione, la tecnica utilizzata dal sole e dalle stelle per produrre un'enorme quantità di energia. Le galassie hanno una forma toroidale in cui i buchi bianchi "white holes" rilasciano energia, mentre i buchi neri "black holes" la risucchiano al loro interno. L'intero universo sembra avere la forma di un toroide. In questa prospettiva, poichè il campo unificato è un campo di energia e di coscienza e coscienza ed energia sono intimamente correlate la coscienza stessa si espande secondo questa forma. La coscienza universale ha quindi una geometria! La forma geometrica utilizzata per descrivere la natura auto-riflessiva della coscienza è il toro. Il toroide consente a un vortice di energia di scorrere verso l'esterno per poi ritornare all'interno del vortice. Così l'energia di un toroide si rigenera continuamente e allo stesso tempo si espande autoriflettendosi su se stessa.

  • Considerato uno dei pensatori più dinamici dei nostri tempi, Dan Winter, di origine americana, è accademico, fisico, autore, maestro animatore, inventore rispettato a livello internazionale, e una della principali autorità in materia di Geometria Sacra e della Natura scientifica della Coscienza. Dan Winter si pone ai confini della scienza e usa i suoi insegnamenti per ispirare altri a dare uno sguardo nuovo ai sistemi di credenze personali, al proprio ambiente, alla propria salute e allo sviluppo della coscienza individuale. Il ricercatore Daniel Winter sostiene che la materia è formata da dei vortici, piccoli tornado nell'Etere simil-fluido che sono i mattoni fondamentali che costituiscono appunto la materia. I vortici nell'Etere sono come dei piccoli mulinelli in un fiume. L'Etere crea i vortici di energia spiraleggiante nell'oceano di Etere, il nostro Universo.   
  • Quando due di questi vortici (spirali) si uniscono formano un Toroide. Il Toroide è il flusso perfetto naturale per creare un'entità apparentemente separata nell'Etere senza forma, abbastanza stabile per durare. I Toroidi eterici individuali possono essere incorporati tra loro, e lo possono fare grazie all'allineamento dei coni del vortice con i solidi Platonici. Questo processo può andare avanti all'infinito, creando solidi Platonici perfettamente annidati tra loro, cioè si crea un frattale, uno schema geometrico ripetitivo. L'annidamento dei solidi Platonici crea i gusci degli elettroni dell'atomo, prende forma geometrica da una energia senza forma, creando l'illusione delle particelle separate dette elettroni e delle particelle che compongono il nucleo. Si crea così la materia come la conosciamo ora. La materia è un flusso stabile che emerge dall'Etere. Altro modo di guardare la forma Toroidale è come forma che può essere descritta perfettamente da un set di spirali Phi. Ogni spirale Phi è una serie di pure onde sinusoidali. La spirale Phi è prodotta da una serie di armoniche con la lunghezza d'onda che si conforma alla versione Aurea della sequenza di Fibonacci. Quando queste spirali Phi circondano i Toroidi si incontrano e interferiscono . Come risultato dell'interferenza si creano due ulteriori onde. Le nuove onde avranno lunghezza d'onda ancora nella serie di Fibonacci. Questo permette all'interferenza di non essere distruttiva, perché risulterà in altre armoniche nella serie di Fibonacci.
  • L’uomo potrebbe modificare la massa di questo pianeta, controllare le stagioni, modificare la sua distanza dal sole, guidarlo sul suo viaggio eterno lungo ogni percorso che decida di scegliere, attraverso la profondità dell'universo. 

 

  • Secondo una teoria adottata, ogni atomo misurabile è differenziato da un fluido tenue, che riempie tutto lo spazio con un movimento circolare, come un vortice di acqua in un lago calmo. Mettendo in movimento questo fluido, l'etere, diviene materia. Arrestato il suo movimento, la sostanza primaria regredisce al suo stato normale. Quindi, sembra possibile per l'uomo, attraverso l'energia imprigionata del mezzo e degli agenti idonei, azionare o fermare il moto dell'etere provocando la formazione o la scomparsa della materia. Al suo comando, i vecchi mondi svanirebbero quasi senza alcun sforzo da parte sua, ed i nuovi verrebbero ad esistere.
  • la funzione Φ è nella spinta del divenire all’origine, dunque il Numero d’oro ci offre anche, funzionalmente, l’unico valore reale del coefficiente ciclico, essendo lui stesso un numero ciclico, mentre il nostro calcolo razionale di Π , fondato sulla media dei poligoni inscritti e circoscritti , cerca di definire una curva attraverso delle rette e conduce all’assurdo infinito