Tra i tanti quesiti che l’uomo si pone, sono spesso ricorrenti: “Da dove veniamo? Chi siamo? Dove andiamo? ecc ..”

L'archè è il perchè .

Da sempre l'uomo cerca delle spiegazioni al proprio essere e interrogandosi nel proprio pensiero, nasce una  spiegazione, che una volta divulgata, viene rielaborata da un altro pensiero, creando la propria realtà ,come correnti diverse ma frutto della stessa fonte. Le scienze e le religioni sembrano opposti ma entrambe rappresentano la medesima fonte di conoscenza… anche se distanti nel tempo e nello spazio, oggi esse iniziano ad intrecciare dei grandi punti in comune, come nel caso della fisica quantistica, che parla di stringhe, dove lo studioso deve credere e non potrà vedere, ma solo applicare formule risalenti ai tempi piu' antichi, in cui non esisteva nè la scienza nè la religione, ma solo il pensiero .Dunque alle tante domande possiamo rispondere immergendoci nella fantascienza che è la nostra piu' moderna realtà :

Sono M37 e vi porterò brevemente all'interno dell'essere per comprendere .

Scienziati,filosofi,religiosi, mi hanno attribuito milioni di nomi ma tra i tantissimi nomi il piu' grande che accomuna tutti è Dio . Premesso che : 

Nelle lingue di origine latina come l'italiano (Dio), il francese (Dieu) e lo spagnolo (Dios), il termine deriva dal latino Deus (a sua volta collegato ai termini, sempre latini, di divus, "splendente", e dies, "giorno") proveniente dal termine indoeuropeo ricostruito *deiwos. Il termine "Dio" è connesso quindi con la radice indoeuropea: *div/*dev/*diu/*dei, che ha il valore di "luminoso, splendente, brillante, accecante", collegata ad analogo significato con il sanscrito dyáuh. Allo stesso modo si confronti il greco δῖος e il genitivo di Ζεύς [Zeus] è Διός [Diòs], il sanscrito deva, l'aggettivo latino divus, l'ittita šiu.

Dunque considerando il termine divino Dio, eliminerò da primis la D ( Dio - D = io) per non lasciar fraintendere il mio viaggio… e lasciando “io” renderò l'essenza dell'io, e quindi dell’ego. “Penso dunque sono”… ecco aprirsi la prima porta della coscienza, e per aprire la seconda porta leggi nella tua mente…se già lo stai facendo ascolta la tua vocina che senza esternarla dalla bocca e nè udendola dalle orecchie, comunque essa c'è. Beh...ecco aprirsi la 2 porta e nel bellissimo viaggio riesci a vedere senza vista; ed eccoti entrare nella 3 porta, dove i sensi sono già un tutt’uno, dopo di chè ecco dunque che l'io sono io .Rileggendoti i 3 punti, comprenderai che sei dentro l'essere divino, ovvero ciò che differenzia l'uomo da tutte le cose. L'immaginazione e l'interpretazione sono entrambe frutto del pensiero, generati dalla luce che è giunta all'interno grazie all'esterno… sin dai tempi piu' antichi .La Luce è Dio e tu sei Luce .

L'uomo ha da sempre rappresentato tutto raffigurandolo ad altri, interpretando e assimilando, senza soffermarsi al prorprio io e al proprio essere .

L'associazione Spike M37, racchiudendo il tutto, si pone il fine ultimo di stimolare l'uomo a riflettere da osservatore e da spettatore, nella creazione piu' grande che Dio ci ha dato ... La mente .