etere viale San martino 137 T.(RC)

«Così gli antichi Filosofi e i Poeti dissero l'Etere Anima del Mondo, Spirito, Fuoco purissimo, e Motore di tutte le cose, Giove, Proteo. Perché stimarono che tutti i corpi governi, lo nominarono Anima del Mondo e Spirito per la sottigliezza delle sue parti, che dai sensi conoscer non si possono; Fuoco per l'attività, Motore e Giove per la forza universale con cui muove tutte le cose; Proteo perché prende le figure tutte.»


Antroposofia

*IN GRECO ANTICO 'SAPIENZA DELL'ESSERE UMANO'


Conoscere ti dà la libertà di scegliere e quindi aumenta la tua consapevolezza.

SALA CIBERNETICA

finalità dell'associazione

Download
Certificato di adesione
Associazione culturale Matrixforcee@libe
Documento Adobe Acrobat 4.1 MB

L'associazione culturale Matrixforce  promuove la conoscenza. In questa era, dove la tecnologia accelera la vita sociale, è possibile definire le basi per dimostrare la teoria del “ multiuniverso emozionale ” . L'associazione promuove progetti nuovi e unici nel loro genere, così da poter comprendere e distinguere il reale dal virtuale, stimolando e sensibilizzando all’uso corretto della tecnologia , e dunque il perchè l'uomo intellige."Frattale energetico emozionale " per comprendere ciò mette insieme fisica quantistica e Spiritualità dentro un viaggio multisensoriale, con dei filmati stereoscopici 3D,studiandone la polarizzazione e dunque la visualizzazione, nonché la percezione sensoriale. L'associazione ha l'obiettivo di promuovere progetti cibernetici emozionali, in cui, oltre alla conoscenza dell’innovazione, vi è un mix tra il se e il ma, per portare ad un’autoriflessione sul perché delle cose  e di tutto ciò che sta nel "sè, io sono ,inconscio ,intuito ecc ,finalizzata quindi alla tutela della libertà psico/fisica. Un percorso multidisciplinare darà la consapevolezza delle tante teorie spesso “ rigenerate “ e dunque  difficili da assimilare, perché mancano di pragmatica emozionale; pertanto ad ogni teoria seguirà un documentario/filmato con tecnologia innovativa per un effetto Wow ! Sarà spiegato il perché della stereoscopia, sia tecnologicamente che biologicamente, fornendo un’ imminente risposta al perché, e ricostruendo con semplicità la tecnologia stessa .

 

L'associazione Matrixforce identifica l'uomo come essere primordiale, e pioniere nell'intelligere con sè stesso e con gli altri . Scopo dell'associazione è conoscere e potenziare l'intelligenza umana, preservandone la spiritualità, l'intelletto emotivo, al fine di usare le nuove tecnologie e non essere usate da esse . La Matrixforce punta ad un "salto quantico intellettivo umano", anticipandone l'imminente crescita dell'intelligenza artificiale, così da comprenderla ed usarla con la consapevolezza etica sociale/spirituale, che è alla base del rapporto macchina uomo. L'associazione  basandosi  sulla   curva esponenziale della legge di Moore ,vede alle porte una  Ri-evoluzione tecnologica dove  Computer Neuromorfici, processori, avranno calcoli inimmaginabili, e dunque ignorare ciò renderebbe l’ uomo fine merceologico, non riuscendo piu' a usare la tecnologia in quanto essa userebbe lo stesso .Tale obiettivo rivoluzionario prevede progetti multidisciplinari con una sensibilizzazione a 360°, con progetti dedicati all’arte visiva, in un contesto di  cibernetica emozionalepunto forte dell’associazione Matrixforce è la " visualizzazione stereoscopica polarizzata ", ove, grazie alla polarizzazione 3D, si comprenderà il vero meccanismo delle illusioni ottiche e dunque la funzionalità cognitiva del cervello/vista .

La parola "scienza" deriva dal latino “scientia”, che significa conoscenza. L'origine della conoscenza è l'esperienza sensibile. - L'intelletto riceve gli input emozionali dalla sensazione e dalla riflessione – Dunque in tutto vi è scienza :

Etica della ricerca scientifica

·        Neuroscienze

          Pedagogia

          Scienze dello spazio

·         Scienze umanistica per la comunicazione

·         Scienze dell'educazione e della formazione

·         Scienze agrarie

·         Scienze ambientali

·         Scienze applicate

·         Scienze atmosferiche

·         Scienze biologiche

·         Scienze chimiche

·         Scienze cognitive

·         Scienze dei materiali

·         Scienze del comportamento

·         Scienze del servizio sociale

·         Scienze filosofiche 

 

Scienze religiose ecc.  e  molte sono le discipline scientifiche interconnesse ad esse, come matematica, fisica, chimica, biologia e così via … tutta questa conoscenza la andremo a sintetizzare a livello emozionale e ciò in quanto tutto viene appreso grazie alla propria sensibilità ed alle vibrazioni  ambientali, che si muovono nella propria sincronicità psicofisica,  e così analizzeremo la  polarizzazione emozionale :

·         positivo/negativo

·         causa/effetto

 

·         yin yang 

la si può  interpretare come la si conosce, ed è così che in fisica quantistica tutto è  vibrazione, dunque energia, per cui, in queste prime lezioni andremo a sintetizzare  L’ABC dell’eziologia e della cibernetica, in un contesto  pragmatico,  racchiudendo il tutto nella  scienza dell’Antahkarana* .

 

Oggi basta un click per trovare un’infinità di link, onde approfondire e studiare all’infinito, e questo grazie ad un’ enorme  informazione ..ma tale informazione se non assimilata pragmaticamente con la propria energia emozionale  genera un paradosso, perché la stessa porta ad una involuzione  tra pregiudizi e stereotipi precostituiti che si vanno ad intrecciare nel vivere sociale.. al fine di apprendere l’errore pragmatico emozionale vi si svilupperà una nuova ambientazione finalizzata all’intuizione, e dunque alla conoscenza del proprio essere;  cooperando ognuno con la propria esperienza/conoscenza e dunque intelligenza emotiva,  comprenderemo il perché si è arrivati a non distinguere il vero dal falso, distogliendo l’attenzione e dunque la percezione del reale e del virtuale, finendo per criticare continuamente, senza usare la propria mente, ovvero  tralasciando lo studio nonché l’osservazione e dunque la giusta interpretazione .

 

*La scienza dell’Antahkarana riguarda l’intero complesso delle energie in arrivo, l’impiego e la trasformazione e fusione; riguarda inoltre le energie emesse ed il loro rapporto con l’ambiente .

Può sembrare strano, ma la lettura, in quanto onda energetica emozionale della propria mente, trova logica e comprensione rispetto ad un fatto, vissuto ed assimilato ancor prima di essere letto o visionato ... un po' come la pratica fa comprendere la teoria, allo stesso modo Il pensiero in quanto tale, fa individuare la propria energia intellettuale, e questo avviene nella lettura come in ogni forma di scrittura lo stesso vi è per l'aritmetica ,l'arte e la geometria  .......

Le funzioni trigometriche dei fenomeni reali

In geometria, un eptadecagono è un poligono con 17 lati. Un eptadecagono regolare ha 17 lati congruenti e ogni angolo interno misura

 

{\displaystyle 180\cdot {\frac {17-2}{17}}~{\mbox{gradi}}~=~\left(158+{\frac {14}{17}}\right)~{\mbox{gradi}}~\approx 158,8235294~{\mbox{gradi}}.}

La costruibilità implica che qualunque funzione trigonometrica di {\displaystyle 2\pi /17} possa essere espressa servendosi solo di operazioni aritmetiche e radici quadrate. Il libro di Gauss Disquisitiones Arithmeticae contiene la seguente espressione, qui riportata in notazione moderna:

16\,\operatorname {cos}{2\pi \over 17}=-1+{\sqrt {17}}+{\sqrt {34-2{\sqrt {17}}}}+2{\sqrt {17+3{\sqrt {17}}-{\sqrt {34-2{\sqrt {17}}}}-2{\sqrt {34+2{\sqrt {17}}}}}}.

Si vuole mostrare come Gauss sia arrivato a tale soluzione e come il problema sia connesso alla costruibilità dei poligoni regolari.

 

 


etere 137

  • Programma personalizzato

Questo è il primo step

Download
Programma personalizzato di cibernetica emozionale
primo step.pdf
Documento Adobe Acrobat 34.5 MB

Questo è il secondo step

Download
SECONDO STEP meditazione cibernetica.pdf
Documento Adobe Acrobat 59.2 MB

Questo è il terzo step

Download
TERZO STEP meditazione cibernetica.pdf
Documento Adobe Acrobat 59.2 MB

L'Occhio infinito di Galileo - Aristarco di Samo e la teoria eliocentrica

 

 

Anche se di carattere non strettamente “astronomico” non si può tacere l’intuizione fisica di Empedocle di Agrigento (492 a.C. – 430 a.C.), secondo cui la velocità della luce era finita, per cui impiegava un certo tempo a percorrere una certa distanza.

Democrito di Abdera (460 a.C. – 380 a.C.) è considerato invece il più autorevole rappresentante della scuola atomistica. Ricollegandosi alla ricerca dell’arché, la sostanza primigenia, immaginò l’essenza del mondo composta da particelle di materia più o meno piccole, non ulteriormente divisibili: gli atomi. Secondo Democrito, tutto ciò che esisteva era prodotto dalle varie combinazioni degli atomi. Essi erano le uniche realtà durevoli, mentre l’esistenza del vuoto era condizione indispensabile al loro movimento. Democrito è anche considerato il primo pensatore ad aver introdotto il concetto di infinità del cosmo. Concepì inoltre la Via Lattea come una banda di luce costituita di stelle molto piccole e fittamente raggruppate. Elaborò anche un calendario astronomico di grande interesse perché vi erano descritti eventi astronomici collegati a fenomeni terrestri (ad esempio viene data una corretta interpretazione nell’associare l’inondazione del Nilo alla stagione delle piogge che si manifesta alle sue sorgenti).

As We May Think (letteralmente "Come potremmo pensare") è un articolo scritto nel luglio 1945 da Vannevar Bush per la rivista The Atlantic Monthly che introdusse un nuovo modo di concepire i sistemi informativi avviando la riflessione sullo sviluppo dei sistemi ipertestuali. Il titolo è un riferimento al noto filosofo e pedagogista John Dewey, autore di How We Think ("Come pensiamo") nel 1910.Vannevar Bush, allora direttore dell'Office of Scientific Research and Development ("Ufficio per la ricerca e lo sviluppo in ambito scientifico"), l'organismo che controlla il Progetto Manhattan, sottolineava come l'unità di intenti degli scienziati alleati nella seconda guerra mondiale dovesse essere protratta anche in tempo di pace. L'ostacolo principale era per Bush il moltiplicarsi delle ricerche, che contrastava con il fatto che le materie di studio si facevano sempre più specialistiche mettendo a rischio l'interdisciplinarità e il dialogo fra gli scienziati.Come soluzione tecnica al problema, Bush propose di creare una macchina ipertestuale, il Memex, una sorta di scrivania elettromeccanica dotata di un archivio in microfilm che fungeva da arcaica memoria di massa e permetteva di immagazzinare pagine di libri e documenti e, conseguentemente, di riprodurli ed associarli gli uni agli altri.Sebbene qualcosa di simile al memex non poté essere realizzato prima dell'avvento della miniaturizzazione elettronica, l'articolo di Bush ebbe un'importanza capitale nello sviluppo dell'informatica e dell'ipertesto. L'influenza di questo articolo è evidente nell'operato di Douglas Engelbart che, leggendo l'articolo al ritorno dalla guerra dove operò come tecnico radar, sviluppò l'oN Line System basandosi proprio sulle idee espresse da Bush.

 

https://it.wikipedia.org/wiki/As_We_May_Think

 

 

ALAN TURING

Il suo lavoro ebbe una vasta influenza sulla nascita della disciplina dell'informatica, grazie alla sua formalizzazione dei concetti di algoritmo e calcolo mediante l'omonima macchina, che a sua volta costituì un significativo passo avanti nell'evoluzione verso il moderno computer. Per questo contributo è solitamente considerato il padre della scienza informatica e dell'intelligenza artificiale, da lui teorizzate già negli anni trenta del '900, ed anche uno dei più brillanti crittoanalisti che operarono nel Regno Unito durante la seconda guerra mondiale, per decifrare i messaggi scambiati da diplomatici e militari delle Potenze dell'Asse.

 

Turing lavorò infatti a Bletchley Park, il principale centro di crittoanalisi del Regno Unito, dove ideò una serie di tecniche per violare i cifrari tedeschi, incluso l'utilizzo di una macchina elettromeccanica (chiamata "Bomba") in grado di decodificare codici creati dalla macchina crittografica Enigma. Morì, suicida..

 

https://it.wikipedia.org/wiki/Alan_Turing

Carl Gustav Jung

La psiche si compone della parte inconscia, individuale e collettiva, e della parte conscia. La dinamica tra le due parti è considerata da Jung come ciò che permette all'individuo di affrontare un lungo percorso per realizzare la propria personalità in un processo che egli denomina "individuazione". In questo percorso l'individuo incontra e si scontra con delle organizzazioni archetipiche (inconsce) della propria personalità: solo affrontandole egli potrà dilatare maggiormente la propria coscienza. Tra loro "la Persona", "l'Ombra", "l'Animus e l'Anima" e "il Sé". L'archetipo è una sorta di "DNA psichico": il concetto deve molto a Platone e alla sua dottrina delle "idee", oltre che agli studi di filogenetica iniziatisi con Freud. La Persona (dalla parola latina che indica la "maschera teatrale") può essere considerata come l'aspetto pubblico che ogni persona mostra di sé, come un individuo appare nella società, nel rispetto di regole e convenzioni. Rispecchia ciò che ognuno di noi vuol rendere noto agli altri, ma non coincide necessariamente con ciò che realmente si è.

 

https://it.wikipedia.org/wiki/Carl_Gustav_Jung#Archetipi

 

 

tutto ciò che degli altri ci irrita ... può portarci alla comprensione di noi stessi


meditazione cibernetica emozionale

Nell’antichità, insieme alla conoscenza delle indivisibili particelle fondamentali della materia, ovvero gli atomi, si accennava anche a una fonte inesauribile di energia libera, la cui caratteristica è di essere onnipresente e pervasiva (“non c’è un luogo nel mondo materiale dove potrebbe non esserci”) e che costituisce uno dei principi fondamentali del mondo materiale.

Negli antichi testi indiani che sono giunti fino ai giorni nostri, veniva chiamata “Akasha”. Ākāsa è una parola sanscrita formata da ā + hāś, che letteralmente significa “splendente”, “splendore continuo” “spazio illuminato”.

Questo sarà il quarto step

La produzione e lo studio dei connettomi, conosciuto come connettomica, passa da una descrizione in piccola scala di una mappa dettagliata dell'insieme dei neuroni e sinapsi di una parte o di tutto il sistema nervoso di un organismo a una descrizione in grande scala della connettività strutturale e funzionale.

Vedi postazione M137